Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la sovrafatturazione va punita come dichiarazione fraudolenta

euro
La cosiddetta sovrafatturazione (ossia l'emissione di fatture per un importo superiore al reale) può essere penalmente punita per dichiarazione fraudolenta (art.2 D.Lgs. n.74/2000) ma non per operazioni inesistenti. Lo chiarisce la terza sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza n.45056/2010) spiegando che "in tema di reati tributari, il reato di dichiarazione fraudolenta mediante utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti" si configura "sia nell'ipotesi di inesistenza oggettiva dell'operazione" ossia quando non è stata posta in essere alcuna operazione, "sia nell'ipotesi di inesistenza relativa (ovvero quando l'operazione vi è stata, ma per quantitativi inferiori a quelli indicati in fattura), sia, infine, nell'ipotesi di sovraffaturazione qualitativa (ovvero quando la fattura attesti la cessione di beni e/o servizi aventi un prezzo maggiore di quelli forniti). La norma penale, spiega la Corte, ha infatti lo scopo di punire ogni tipo di divergenza tra la realtà commerciale e la sua espressione documentale.
(26/12/2010 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss