Sei in: Home » Articoli

Palazzo Chigi: le regole per festeggiare in sicurezza

fuochi artificio id9455
In una nota di Palazzo Chigi, l'esecutivo, in vista delle prossime festivitÓ invita alla cautela e a festeggiare prestando attenzione innanizutto alla sicurezza. In questo periodo - si legge nella nota - vengono acquistati giochi pirotecnici, addobbi natalizi, catene luminose, giocattoli non solo elettrici, apparecchi ricevitori ed amplificatori di segnali sonori e video". Cose apparentemente innocue ma che possono in certi casi diventare davvero pericolose. Sono l'UNI (Ente Nazionale di Unificazione) e CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), a definire i principi generali di sicurezza per verificare il grado di pericolositÓ degli oggetti acquistati. Tra i diversi pericoli, primi della lista sono i fuochi d'artificio. Per essere sicuri non debbono potersi accendere accidentalmente per sfregamento o urto, l'effetto pirotecnico deve essere ritardato e le fiamme debboo essere in grado di autoestinguersi. E allora Ŕ importante rivolgersi solo a negozzi specializzati prestando attenzione alle istruzioni di utilizzo specie sulla distanza di sicurezza da tenere. Se dovete accendere una miccia - raccomanda il Governo - fatelo allontanandovi immediatamente evitando di riaccenderla in caso di malfunzionamento. In ogni caso Ŕ indispensabile tenere i giochi pirotechici lontani dal viso e dal busto, non puntando mai verso altre persone o animali. Attenzione anche ai giocattoli specie se elettrici per i quali esistono specifiche norme di sicurezza.
Verificate sempre che non vi siano spigoli vivi e bordi taglienti.
Altre informazioni su questo argomento
(21/12/2010 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Cassazione: non punibile chi va a spasso con un coltello in auto
» Divorzio: dopo quanto tempo si pu˛ chiedere?
» Riforma penale: ok al principio di riserva di codice
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Assegni familiari e di maternitÓ: i nuovi importi 2018


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss