Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si può sacrificare un animale per evitare un pericolo

cane pastore tedesco id9412
Nel caso in cui sussista un pericolo imminente non è reato uccidere unanimale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha così assolto un 30enne di Salò che aveva ucciso un pastore tedesco per evitare che sua moglie e il suo cane venissero aggrediti. Come ricostruisce la corte, l'uomo aveva agito per respingere l'attacco di un pastore tedesco che stava per aggredire il suo cagnolino e paventando ceh potesse aggredire anche sua moglie aveva preso un fucile ed aveva ucciso l'animale. Il caso finiva in Tribunale dove si era ipotizzato il reato previsto e punito dall'art. 638 c.p. che punisce l'uccisione di animali. Condannato dai giudici di merito il caso finiva in cassazione dove la difesa faceva notare come il ragazzo, nella concitazione del momento e nella paura che il grosso cane potesse aggredire la moglie e il suo cagnolino, aveva sparato agendo "in stato di necessita'". La Corte (Seconda sezione penale, sentenza n.43722/2010) ha annullato la condanna facendo notare che "nel concetto di necessita' e' compreso non solo lo stato di necessita' vero e proprio ma anche ogni altra situazione che induca all'uccisione o al danneggiamento dell'animale per prevenire od evitare un pericolo imminente o per impedire l'aggravamento di un danno giuridicamente apprezzabile alla persona propria o altrui o ai beni, quando tale danno l'agente ritiene altrimenti inevitabile".
Altre informazioni su questa sentenza
(11/12/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF