Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nulle le dimissioni dell'impiegato depresso

Sono nulle le dimissioni dell'impiegato depresso, di conseguenza deve essere reintegrato nel posto di lavoro. Lo ha stabilito la Cassazione che ha respinto il ricorso di una filiale pugliese del Monte dei Paschi di Siena, che si era opposto alla reintegrazione dell'impiegato Raffaele D. A., licenziatosi in un periodo di profonda depressione. Secondo la Banca, il dipendente aveva preso la decisione in maniera del tutto volontaria, quindi non doveva essere riamesso. Per la Cassazione, invece, non hanno alcuna validita' le dimissioni di una persona che soffre di esaurimento nervoso perche' ''il perturbamento psichico, anche transitorio, incide sulle facolta' intellettive del soggetto in modo da impedire una seria valutazione dei propri atti e la formazione di una volonta' cosciente''.
(17/05/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss