Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nulle le dimissioni dell'impiegato depresso

Sono nulle le dimissioni dell'impiegato depresso, di conseguenza deve essere reintegrato nel posto di lavoro. Lo ha stabilito la Cassazione che ha respinto il ricorso di una filiale pugliese del Monte dei Paschi di Siena, che si era opposto alla reintegrazione dell'impiegato Raffaele D. A., licenziatosi in un periodo di profonda depressione. Secondo la Banca, il dipendente aveva preso la decisione in maniera del tutto volontaria, quindi non doveva essere riamesso. Per la Cassazione, invece, non hanno alcuna validita' le dimissioni di una persona che soffre di esaurimento nervoso perche' ''il perturbamento psichico, anche transitorio, incide sulle facolta' intellettive del soggetto in modo da impedire una seria valutazione dei propri atti e la formazione di una volonta' cosciente''.
(17/05/2003 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» La Cassazione sugli atti degli avvocati nelle indagini difensive
» Reddito di cittadinanza: come richiederlo
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» La guida in stato di ebbrezza
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss