Sei in: Home » Articoli

Pubblicato il decreto sulla interoperativitÓ del sistema ferroviario in ambito europeo

treno ferrovie id9390.png
Nell'Ambito del'Unione Europea ha preso il via l'interoperativitÓ del sistema di trasporto ferroviario. I criteri di sicurezza e affidabilitÓ sono stati definiti con il decreto legislativo n.191/2010 pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 19 novembre scorso. In un comunicato di Palazzo Chigi si sottolinea che "La progettazione, la costruzione, la manutenzione e la sorveglianza dei componenti critici per la sicurezza e degli elementi che partecipano alla circolazione dei treni, devono essere garantiti ad un livello corrispondente agli obiettivi fissati sulla rete, anche in situazioni di degrado. I parametri legati al contatto tra ruota e rotaia devono rispettare i criteri di stabilitÓ del passaggio necessari a garantire una circolazione in piena sicurezza alla velocitÓ massima autorizzata, mentre i parametri delle apparecchiature di frenatura devono garantire l'arresto nella distanza di frenata prevista alla velocitÓ massima autorizzata". In relazione alla scelta dei materiali da utilizzare, sarÓ necessario operare in modo da evitare o limitare la produzione, la propagazione e gli effetti del fuoco e dei fumi in caso di incendio. E ancora: "I dispositivi destinati ad essere manovrati dagli utenti devono essere progettati in modo da non compromettere l'utilizzazione sicura dei dispositivi ne' la salute o la sicurezza degli utenti. I materiali che, utilizzati, potrebbero mettere in pericolo la salute delle persone che vi hanno accesso non devono essere utilizzati nei treni e nelle infrastrutture ferroviarie. La scelta, l'impiego e l'utilizzazione di questi materiali devono limitare l'emissione di fumi o di gas nocivi e pericolosi. Inoltre, l'esercizio del sistema ferroviario deve rispettare la normativa esistente in materia di rumore".
Vai al testo del DLgs 191/2010
(06/12/2010 - Notiziario)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE