Sei in: Home » Articoli

Cassazione: notizie non vere? Il diritto di rettifica non Ŕ a discrezione del direttore di un mezzo di informazione

rassegna giornali stampa
In caso di pubblicazione di notizie non vere o che l'interessato ritiene "lesive dei propri diritti all'onore" il diritto di rettifica deve prevalere e non e' rimesso alla "discrezionale valutazione del direttore del mezzo di informazione". Lo ha stabilito la Corte di Cassazione spiegando che tale diritto "deve avere corso in tutti i casi in cui ne ricorrano i presupposti". La decisione fa riferimento al caso di un titolare di una casa di cura nei cui confronti era stata disposta la custodia cautelare in carcere con l'accusa di concussione. Il procedimento era stato poi archiviato ma durante l'inchiesta un quotidiano aveva dato notizia dei vari sviluppi giudiziari, negando la successiva richiesta di rettifica perchŔ anche se il procedimento penale era stato archiviato i fatti di cui si era dato notizia erano realmente avvenuti. Secondo la Cassazione (sentenza n.23835 della Terza sezione civile) "l'accertata liceita' della pubblicazione della notizia di cui si chiede la rettifica non fa venire meno l'obbligo di pubblicare la rettifica dell'interessato dovendo la verita' reale prevalere su quella putativa". Nei primi due gradi di giudizio il quotidiano aveva avuto ragione perchŔ secondo i giudici di merito "le pubblicazioni che si chiedeva di rettificare erano lecitamente avvenute".
Altre informazioni su questa sentenza
(26/11/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Il giudizio di pericolositÓ sociale del reo: come si accerta dopo le recenti riforme
» Gratuito patrocinio: le indicazioni della Cassazione sulla "non abbienza"
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'ereditÓ.
» Pensioni: ok condizionato del Garante per l'Ape volontaria
» L'Europa cerca (anche) avvocati


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss