Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la ex va mantenuta anche se ha rifiutato un posto di lavoro

Cattive notizie per gli uomini separati. Se la ex rifiuta lavori che ritiene poco adatti bisogna continuare a mantenerla. Lo afferma la prima sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza n. 22504/2010) che ha respinto un ricorso presentato da un ex marito intenzionato ad annullare l'assegno divorzile per la sua ex che aveva detto no ad un'offerta lavorativa preferendo tornare all'universita'. L'uomo si era rivolto alla suprema Corte chiedendo di annullare il mantenimento perchè la sua ex moglie aveva rifiutato un posto da segretaria con la scusa che il lavoro era lontano da casa e si era ritenuta inadatta al tipo di mansioni offerte.
L'ex marito aveva fatto presente che lei pur essendo iscritta alla facolta' di medicina, "non aveva dato prova di avere sostenuto alcun esame", evidenziando così di non avere interesse a predisporre una situazione in cui potesse maturare per lei "una possibilita' di attivita' lavorativa". La Corte ha respinto il ricorso spiegando che non sono state evidenziate carenze motivazionali nella decisione dei giudici di merito.
Altre informazioni su questa sentenza
(07/11/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF