Sei in: Home » Articoli

Indennità di accompagnamento: Cassazione, irrilevanti gli episodi temporanei

sediarotelle id9200
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 21281 del 15 ottobre 2010, ha stabilito che le condizioni di non autosufficienza, richieste ai fini dell'attribuzione dell'indennità di accompagnamento, siano costantemente riferibili al soggetto assistibile, non rilevando i deficit a carattere episodico. Il principio di diritto è stato enunciato dalla Suprema Corte su ricorso proposto dall'assistibile contro la pronuncia della Corte d'Appello, che aveva riconosciuto all'uomo sì il diritto al beneficio assistenziale ma con decorrenza successiva rispetto a quella da lui ritenuta corretta. Il Giudice del gravame basava la sua decisione sul fatto che i disturbi lamentati dall'assistibile non avevano particolare incidenza sulla sua autosufficienza e che l'invalidità complessiva e la necessità di assistenza non potevano considerarsi persistenti anche per il periodo anteriore alla data fissata. La Suprema Corte, rigettando il ricorso e sottolineando che le condizioni di non autosufficienza, richieste ai fini dell'attribuzione dell'indennità di accompagnamento, consistono, alternativamente, "nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore oppure nell'incapacità di compiere gli atti quotidiani della vita senza continua assistenza", precisa, come da costante giurisprudenza, che "ai fini della valutazione non rilevano episodici contesti, ma è richiesta la verifica della loro inerenza costante al soggetto, non in rapporto ad una soltanto delle possibili esplicazioni del vivere quotidiano, ovvero della necessità di assistenza determinata da patologie particolari e finalizzata al compimento di alcuni, specifici, atti della vita quotidiana, rilevando, quindi, requisiti diversi e più rigorosi della semplice difficoltà di deambulazione o di compimento degli atti della vita quotidiana e configuranti impossibilità."
Foto con Licenza Creative Commons:
Vedi: http://www.flickr.com/photos/bibendum84/4284961945/

(27/10/2010 - L.S.)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF