Sei in: Home » Articoli

Cassazione: trovato con una carta di credito clonata? Si all'arresto immediato

carta di credito id9198
Con la sentenza n. 37903 depositata il 25 ottobre 2010, la Corte di cassazione ha stabilito che è legittimo arrestare il soggetto sorpreso in possesso di una carta di credito clonata anche se non la sta utilizzando in quel preciso momento. Il pregiudicato aveva eccepito l'illegittimità dell'arresto perché colto non in flagranza di reato. Nella motivazione della sentenza che ha respinto il ricorso dell'uomo, dichiarandolo inammissibile, si legge infatti che “anche il semplice possesso della carta di credito clonata, nelle varie previsioni della norma incriminatrice, costituise reato”. Inoltre – conclude la Corte - “essendo evidente lo scopo di lucro perseguito dall'imputato, i suoi precedenti per reati contro il patrimonio debbono ritenersi specifici, concorrendo a giustificare l'apprezzamento dei giudici territoriali sulla sussistenza di esigenze cautelari di particolare intensità e tali da imporre l'applicazione della più grave misura custodiale”.
(26/10/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Registrare le conversazioni viola il diritto alla riservatezza
» Notifica cartella via pec: illegittima senza firma digitale
» Quali sono i beni che non si possono pignorare?
» Le misure cautelari
» Gdpr: al via la procedura online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss