Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anche nei Night Club ci può essere reato di sfruttamento della prostituzione

Anche i titolari dei Night Club o di circoli in cui lavorano ballerine e spogliarelliste, possono finire sotto processo per sfruttamento di prostituzione. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione affermando che il reato sussiste anche se le prestazioni sessuali sono eseguite a distanza, in videoconferenza. Non importa infatti se "prostituta e cliente sono in luoghi diversi". Secondo la Terza sezione penale questo genere di prestazioni "eseguite in modo da consentire al fruitore delle stesse di interagire in via diretta e immediata con chi esegue le prestazioni, con la possibilita' di richiedere il compimenti di atti sessuali determinati, assume il valore di atto di prostituzione e configura il reato di sfruttamento della prostituzione a carico di coloro che abbiano reclutato gli esecutori delle prestazioni o ne abbiano consentito lo svolgimento creando i necessari collegamenti via internet e ne abbiano tratto guadagno". Secondo i supremi Giudici (sentenza 37188/2010) è irrilevante il fatto che "chi si prostituisce ed il fruitore della prestazione si trovino in luoghi diversi". E' chiari infatti che la videoconferenza consente una interazione tra cliente e prostituta tanto che il primo può ordinare e ottenere prestazioni sessuali a pagamento.
Altre informazioni su questa sentenza
(24/10/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati d'ufficio: onorari non pagati compensabili
» Arriva il decreto dignità
» Inps: 5mila borse di studio per imparare le lingue
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Avvocati: contributi fino a 1.500 euro per strumenti informatici


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss