Cassazione: l'avvocato con un apprendista anche solo part-time paga l'IRAP

irap id9172.png
L'apprendista part-time presso lo studio di un professionista (nel caso di specie un avvocato) configura l'esistenza di un'attività autonomamente organizzata, con la conseguenza che il titolare dello studio è soggetto a I.R.A.P. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza n. 21536 del 20 ottobre 2010, respingendo il ricorso di un avvocato che aveva chiesto il rimborso dell'imposta dato che impiegava nel suo studio una sola collaboratrice, non ritenendo sussistente il requisito dell'autonoma organizzazione. La Suprema Corte, concordando con i giudici di merito che decidevano per la soggezione all'imposta del professionista, ha ribadito - sebbene sul punto l'orientamento della giurisprudenza di legittimità non sia uniforme - che il requisito dell'autonoma organizzazione necessario per configurare l'esercizio di attività di lavoro autonomo, diversa dall'impresa commerciale, come presupposto dell'IRAP "sussiste tutte le volte in cui il contribuente che eserciti l'attività di lavoro autonomo: sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; impieghi beni strumentali eccedenti la quantità che secondo l'id quod plerumque accidit costituiscono nell'attualità il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività anche in assenza di organizzazione oppure si avvalga in modo occasionale di lavoro altrui".
(22/10/2010 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF