Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: no compensi aggiuntivi ai messi notificatori comunali

"Ai dipendenti comunali con la qualifica di messo non spetta alcun compenso aggiuntivo per l'attivitą di notificazione di atti richiesta al Comune dall'Amministrazione finanziaria, rientrando tali funzioni tra gli ordinari compiti d'ufficio spettanti ai detti dipendenti". E' quanto dispone la Sezione V del Consiglio di Stato con la sentenza n. 5099 del 2 agosto 2010 respingendo l'appello di un dipendente, svolgente mansioni di messo comunale, che rivendicava il diritto al compenso per l'effettuazione delle notifiche di atti nell'interesse della Prefettura e dell'Amministrazione finanziaria.
Il Collegio, aderendo alla recente giurisprudenza della Sezione (cfr. Cons. St., Sez. V, 12/2/2008, n. 493), precisa che "il principio di omnicomprensivitą della retribuzione impedisce di attribuire compensi aggiuntivi per lo svolgimento di attivitą lavorative comunque riconducibili ai doveri istituzionali dei dipendenti pubblici", doveri nel cui ambito si colloca l'attivitą svolta dall'appellante, effettuata inoltre nel normale orario di ufficio e mediante l'utilizzo degli strumenti organizzativi messi a disposizione dall'amministrazione. Peraltro, la disposizione dell'art. 34 della legge 18 febbraio 1999 n. 28 - concernente il riordino dei compensi spettanti ai Comuni per la notificazione degli atti a mezzo dei messi comunali su richiesta di uffici della Pubblica amministrazione - prevede come unica destinataria l'Amministrazione comunale, con la conseguenza che deve essere esclusa, almeno a livello implicito, qualsiasi volontą legislativa di attribuire un particolare compenso al singolo messo comunale per ogni atto notificato.
(28/09/2010 - L.S.)
Le pił lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF