Sei in: Home » Articoli

Miur: presentate novitÓ anno accademico 2010/2011

Sono state presentate il 2 settembre scorso dal Ministero dell'Istruzione, dell'UniversitÓ e della Ricerca, le novitÓ previste per l'anno scolastico 2010/2011. Tra le pi¨ importanti misure Ŕ sicuramente da segnalare la riforma dell'Istruzione superiore, una misura che dovrebbe ridurre la frammentazione degli indirizzi nei licei e rilanciare l'istruzione tecnica e professionale. La riforma dei licei prevede la modifica dei quadri orari con la riduzione della durata dei singoli insegnamenti, facendo tuttavia salve attivitÓ critiche quali matematica e materie scientifiche per irrobustire la componente scientifica nella preparazione degli studenti. La riforma prevede inoltre potenziamento dello studio delle lingue e una materia del 5░ anno sarÓ insegnata in inglese. Saranno istituiti due nuovi licei, quello coreutico e quello delle scienze umane. Potenziati anche gli istituti tecnici e professionali, non pi¨ considerati come scuole di serie b ma come una risposta valida per fonteggiare alla crisi economica.
Saranno questi istituti a formare le profesionalitÓ del mondo del lavoro. Tra le novitÓ viene anche modificato il limite di assenze come condizione per non essere bocciati: da quest'anno non si potranno superare i 50 giorni di assenza. Per quanto riguarda il tempo pieno, la riforma prevede l'aumento del 3,05% per il biennio 2009-2011 e dall'anno scolastico 2010/2011 le classi a tempo pieno passeranno da 36.493 a 37275. NovitÓ anche in ambito di immissione in ruolo: con il nuovo anno scolastico, sono stati assunti 10.000 nuovi docenti e 5.000 unitÓ di personale ata. Inoltre, al fine di incrementare il mondo del lavoro e la scuola, nascono gli Its, nuovi istituti tecnici superiori post secondaria. NascerÓ una nuova filiera non universitaria che dura 2 anni e che vede universitÓ, scuole e aziende protagoniste della formazione. Per ulteriori informazioni sulla riforma, www.miur.it.
(07/09/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss