Sei in: Home » Articoli

Vacanza rovinata: Aduc, non bastano scuse. Bisogna farsi rispettare

Rivolgendosi all'agenzia che gli aveva fornito un biglietto sbagliato uno sfortunato turista si sentito ripondere "La colpa e' sua che non ha controllato". Il caso stato segnalato dall'Aduc che in un comunicato stampa che ricorda ai turisti che quando si torna dalle vacanze e si sono riscontrati disservizi non ci si pu accontentare delle semplici scuse. Per i pacchetti turistici - si legge nel comunicato dell'associazione - "si puo' chiedere un rimborso, per quanto pagato in piu', o un risarcimento per i danni subiti". L'Aduc ricorda i "pacchetti turistici" sono regolati dal codice del consumo agli articoli che vanno dall'82 al 100. L'Aduc ricorda che l'agenzia viaggi o il tour operator deve fornire informazioni generali "sulle formalita' necessarie al viaggio offerto, riguardanti i documenti necessari (passaporto, visto , etc.) e gli obblighi sanitari". Ci generalmente avviene attraverso la consegna di un opuscolo o di un catalogo le cui informazioni vincolano il tour operator e l'agenzia di viaggi.
Se ci dovessero essere variazioni esse vanno comunicate per iscritto al consumatore prima della stipula del contratto o anche successivamente sempre che le modifiche siano accettate e sottoscritte dal consumatore. Quanto alla caparra, l'Aduc ricorda che il contratto deve indicare la cifra versata a titolo di caparra e che tale cifra non pu superare il 25% del prezzo del pacchetto. Se si recede dal contratto la caparra viene trattenuta dal tour operator o dall'agenzia ma se il tour operator ad essere inadempiente il consumatore ha diritto a pretere il doppio della caparra.
(30/08/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Il contratto di francising
» Flat tax: che cos' e come funziona
» Cassazione: reato per chi rivela la relazione con una donna sposata


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss