Lavoro notturno: Agenzia delle entrate, più produttività e meno tassazione

In un comunicato stampa l'Agenzia delle entrate rende noti i contenuti della Risoluzione 83/E relativa al trattamento agevolato per il lavoro notturno. Secondo l'Agenzia si applica l'imposta sostitutiva del 10 per cento "all'intero compenso corrisposto in ragione delle ore di servizio effettivamente prestate, e non soltanto alle relative indennità o maggiorazioni" L'agevolazione si applica però solo se il lavoro notturno è "collegato ad incrementi di produttività, di competitività dell'impresa o ad altri elementi connessi all'andamento economico dell'azienda". In sostanza il regime speciale premia, sulla base d'una maggiore produttività, "non soltanto le indennità o le maggiorazioni erogate per prestazioni di lavoro notturno, ma l'intero compenso ordinario corrisposto per quella stessa prestazione lavorativa". Lo stesso regime agevolato "si estende anche in riferimento alle erogazioni relative alle prestazioni di lavoro straordinario. A patto che le stesse siano riconducibili ad incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa ed altri elementi di competitività e redditività legati all'andamento economico dell'impresa".
Vai al testo della risoluzione 83/E
Vedi allegato
(18/08/2010 - Notiziario)
In evidenza oggi:
» Cassazione: non punibile chi va a spasso con un coltello in auto
» Divorzio: dopo quanto tempo si può chiedere?
» Riforma penale: ok al principio di riserva di codice
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Assegni familiari e di maternità: i nuovi importi 2018


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss