Sei in: Home » Articoli

Detenzione di droghe pesanti e droghe leggere? Integra un solo reato. No all'applicazione del reato continuato

Con la sentenza n. 27732 depositata il 16 luglio 2010, la Corte di cassazione ha stabilito che non può essere applicato l'istituto del reato continuato allo spacciatore di più sostanza stupefacenti. L'imputato verrà infatti condannato per un solo reato. Il principio di diritto emesso dalla Sesta Sezione penale è il frutto del cambiamento della normativa che non fa più distinzioni tra le cd. “droghe pesanti” e “droghe leggere” in seguito alla legge n. 46 del 2006 che ha eliminato questa distinzione sostanziale. La Corte nel caso di specie ha infatti precisato che in seguito al cambiamento della normativa “la detenzione contestuale di sostanze stupefacenti di natura e tipo diversi integra un unico reato e non più una pluralità di reati in continuazione tra loro”.
(29/07/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF