Sei in: Home » Articoli

Detenzione di droghe pesanti e droghe leggere? Integra un solo reato. No all'applicazione del reato continuato

Con la sentenza n. 27732 depositata il 16 luglio 2010, la Corte di cassazione ha stabilito che non può essere applicato l'istituto del reato continuato allo spacciatore di più sostanza stupefacenti. L'imputato verrà infatti condannato per un solo reato. Il principio di diritto emesso dalla Sesta Sezione penale è il frutto del cambiamento della normativa che non fa più distinzioni tra le cd. “droghe pesanti” e “droghe leggere” in seguito alla legge n. 46 del 2006 che ha eliminato questa distinzione sostanziale. La Corte nel caso di specie ha infatti precisato che in seguito al cambiamento della normativa “la detenzione contestuale di sostanze stupefacenti di natura e tipo diversi integra un unico reato e non più una pluralità di reati in continuazione tra loro”.
(29/07/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Multe: il super autovelox vede anche chi usa il telefono
» Guida in stato di ebbrezza: la sospensione della patente non è automatica
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» Cassazione: niente sanzioni a lavoratore assente per un giorno senza certificato
» L'avvocato non può accettare compensi esigui


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
L'avvocato non può accettare compensi esigui
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi