Sei in: Home » Articoli

Diritto di visita dei nonni. Impossibilità di chiedere revisioni.

Dopo tre anni dalla nota sentenza n. 24423 con la quale la Suprema Corte di Cassazione aveva riconosciuto che i nonni, ai quali veniva impedito di vedere i nipoti, potessero ottenere un provvedimento che consentisse loro di incontrarsi con i nipoti, la Corte cambia il proprio orientamento sul diritto di visita dei nonni. Con la sentenza n. 22081 del 2009 ha riconosciuto come, nonostante la legge sull'affidamento condiviso, Art. 155 l. 64 del 2006, abbia valorizzato il ruolo degli ascendenti e dei parenti di ciascun ramo genitoriale dei figli di genitori separati, riconoscendo l'esistenza di un vero e proprio diritto in capo al minore ad avere un rapporto con gli stessi manchi, sul piano fattuale, una legittimazione processuale per i nonni che consenta loro di ottenere una revisione delle condizioni previste per le visite ai minori.
Facoltà riconosciuta esclusivamente ai genitori i quali sono invece legittimati a chiedere in ogni tempo la modifica delle disposizioni concernerti l'affidamenti dei minori .
(27/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Cannabis terapeutica: sì della CameraCannabis terapeutica: sì della Camera
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF