Sei in: Home » Articoli

L'insegnante non risponde per le lesioni riportate dall'alunno troppo “vivace” all'uscita di scuola

scuola id8771
Non c'è colpa per mancata vigilanza a carico degli insegnanti nel caso di infortuni riportati da alunni troppo vivaci in conseguenza di comportamenti del tutto imprevedibili dopo che questi siano stati accompagnati all'uscita. E' quanto afferma la Suprema Corte di Cassazione (sentenza n. 17215 del 2010 depositata il 22 luglio 2010). Nel caso esaminato da Piazza Cavour l'alunno, fermatosi nel cortile antistante alla scuola, al termine dell'orario delle lezioni, cadeva picchiando la testa contro un gradino riportando lesioni. I genitori, in primo grado, avevano ottenuto un risarcimento di € 8.500 ma la sentenza veniva boi ribaltata dalla Corte d'Appello di Napoli che riteneva che, nel caso in esame, non potesse essere invocata la presunzione di cui all'art. 2048 cc. La decisione è stata ora conferata dai Giudici di legittimità che hanno rigettato il ricorso proposto e confermato la sentenza della Corte Territoriale .
(26/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF