Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non punibile il tentativo di estorsione e rapina ai danni di congiunti se c'è stata solo minaccia

L'art. 649 terzo comma del codice penale, che stabilisce la non punibilità dei reati contro il patrimonio quando sono commessi a danno di prossimi congiunti, esclude la punibilità del 'tentativo' in relazione ai reati di rapina, di estorsione e di sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione (previsti dagli artt. 628 629 e 630 c.p.) nel caso in cui non si sia usata violenza alla persona ma si sia fatto ricorso solo a minacce. Lo chiarisce la Corte di Cassazione (sentenza n.28210/2010) spiegando che la locuzione contenuta nella norma ("ogni altro delitto contro il patrimonio commesso con violenza alle persone") va interpretata in senso restrittivo nel senso di comprendere la sola violenza fisica e non anche la minaccia o violenza psichica.
(24/07/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss