Sei in: Home » Articoli

In Parlamento: tre proposte per dire si al nudo in spiaggia

Presto andare nudi in spiaggia potrebbe non essere più un problema. In base ad una serie di proposte di legge, chi desidera fare il 'naturista' non correrà più il rischio di commettere un reato di atti contrari alla pubblica decenza. Il via libera a naturismo e nudismo sarà però circoscritto a spazi allestiti ad hoc. Le proposte arrivano bipartisan e le principali forze politiche evidenziano che l'Italia è l'unico Paese in Europa a non avere ancora una normativa sulla pratica del naturismo cosa che limita anche l'offerta turistica. Molti turisti, infatti, provenienti dai Paesi dell'Europa centrale e settentrionali, preferiscono evitare l'Italia e trascorrere le proprievacanze dove non c'è rischio di commettere reati. Del resto anche in Italia il popolo di nudisti è in costante crescita ma senza una legge non c'è modo di realizzare aree naturistiche. Abrogando l'articolo 726 del codice penale (atti contrari alla pubblica decenza), significherebbe aprire anche l'Italia al turismo del nudo integrale.
Altre informazioni su questo argomento
(20/07/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere il figlio al padre
» Decreto dignità: tutte le novità sul lavoro
» La pensione di reversibilità
» Ponte Morandi: si può revocare la concessione ad Autostrade?
» Partite Iva: rinviato il pagamento della doppia rata di agosto

Newsletter f g+ t in Rss