Il 7 luglio scorso è stato presentato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali il "Codice della partecipazione". Un documento che contiene una raccolta ragionata della normativa vigente e alcune prassi già sperimentate o da avviare. L'obiettivo - si legge in un comunicato del Governo - è quello di garantire una equa distribuzione della ricchezza "attraverso salari che crescono e si collegano agli utili aziendali in termini di partecipazione positiva al profitto". Il codice vuole essere anche un "documento aperto" nel senso che potrà essere aggiornato attraverso i contributi delle parti sociali e degli esperti della materia. Un ostrumento che vuole valorizzare il ruolo delle parti sociali nel condividere obiettivi comuni fra cui quelli della "solidità competitiva della impresa e del rispetto e della valorizzazione del lavoro".
Condividi
Feedback

(15/07/2010 - Notiziario)
In evidenza oggi:
» Avvocati: illecito chiedere compensi al cliente ammesso al gratuito patrocinio
» Coronavirus: mutui sospesi fino al 30 settembre su richiesta