Sei in: Home » Articoli

Equo indennizzo: Corte di Appello di L'Aquila, per processi di non ordinaria difficoltà la durata ragionevole è di anni cinque

La Corte di Appello di L'Aquila con decreto del marzo 2010 nell'accogliere un ricorso per equo indennizzo promosso in relazione ad una causa durata ben trentaquattro anni ha precisato che, in base ai parametri desumibili dalla giurisprudenza CEDU, è da ritenersi in linea di massima congrua per un giudizio di primo grado la durata di anni cinque quando si tratta di cause “di non ordinaria difficoltà come quelle di divisione ereditaria fra plurimi coeredi, connotata nella specie da plurimi accertamenti e rilievi da parte dei cc.tt.uu. di volta in volta nominati.
(15/07/2010 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss