Non è ricorribile in cassazione il provvedimento con il quaqle il Giudice dell'esecuzione ordina di liberare un immobile pignorato per farlo consegnare immediatamente al custode. Lo chiarisce la Corte di cassazione (sentenza 15623/2010) affermando che tale provvedimento non ha carattere decisorio nè può considerarsi come un provvedimento definitivo. Resta ferma la possibilità per il terzo che gode del bene in forza di un contratto di locazione, di proporre opposizione all'esecuzione, essendo questo, spiega la Corte, "il modo di reazione contro titoli esecutivi anche giudiziali alla cui formazione il soggetto esecutato non ha avuto modo di partecipare".
Condividi
Feedback

(14/07/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: illecito chiedere compensi al cliente ammesso al gratuito patrocinio
» Coronavirus: mutui sospesi fino al 30 settembre su richiesta