Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Installazioni abusive di apparecchiature per intercettazioni telefoniche

Commette due reati il marito che installa abusivamente apparecchiature per intercettare le telefonate della moglie, lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione (Sent. 12698/2003) precisando che tale installazione abusiva č lesiva sia della fattispecie prevista dall?art. 617 c.p., che punisce l?installazione di apparecchiature di intercettazione, sia di quella prevista dall?art. 617 bis c.p., che prevede la sanzione per la cd. intercettazione fraudolenta delle comunicazioni o conversazioni. Con questa motivazione la Suprema Corte ha confermato la condanna inflitta in grado di appello ad un marito che, per l?appunto, aveva installato sofisticate apparecchiature di intercettazione per avere la prova dell'infedeltā del proprio coniuge.
(17/04/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilitā medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE