Sei in: Home » Articoli

Medico pubblicizza sua attività senza autorizzazione? Multato e sospeso

Sarà sospeso e multato il medico che, senza autorizzazione pubblicizza la sua attività: lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 14652, depositata il 17 giugno 2010. La seconda sezione civile ha infatti affermato che il medico che pubbicizza all'esterno dell'edificio la sua attività di chirurgo con una targa con i suoi dati, commette non solo un illecito disciplinare, come era stato eccepito dal medico, ma anche un illecito amministrativo: “la legge del 5 febbraio 1992, n. 175, recante “norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell'esercizio abusivo delle professioni sanitarie” – si legge dalla motivazione della sentenza - comminando la sospensione dall'esercizio professionale a carico di coloro che effettuino pubblicità senza l'autorizzazione ovvero con mezzi e forme non disciplinati dalla legge, non prevede una contravvenzione amministrativa ma una fattispecie di illecito disciplinare; e che pertanto va escluso che detta legge abbia comportato la tacita abrogazione dell'art. 201 del regio decreto del 27 luglio 1934, n. 1265 (…), che assoggetta a sanzione amministrativa pecuniaria la violazione delle norme sulla pubblicità in materia sanitaria da esso previste”.
(20/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF