Consulenti lavoro: parere su efficacia probatoria degli studi di settore

Nel parere n. 17 la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro affronta il problema dell'efficacia probatoria degli studi di settore. Secondo i Consulenti, lo studio di settore mette in evidenza una possibile anomalia del contribuente ma di per s non giustifica un accertamento se non vi sono altri elementi concordanti che evidenziano una potenziale evasione. La Fondazione evidenzia che gli strumenti satistici per quanto affinati possano essere, non possono mai rappresentare con precisione la situazione soggettiva del singolo contribuente. Per questo quando si riceve l'accertamento importante verificare se vi sono state negligenze dell'Ufficio per fare una eventuale eccezione nel ricorso introduttivo davanti alla commissione Tributaria provinciale. Naturalmente il contribuente dovr rappresentare le ragioni che lo escludono dall'area dei soggetti a cui applicare lo standard, anche mediante l'utilizzo di presunzioni semplici.
(11/06/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss