Sei in: Home » Articoli

Pusher incensurato? Cassazione, no alle attenuanti generiche

Condividi
Seguici

Con la sentenza n. 20851, la Corte di cassazione ha stabilito che la sola incensuratezza del pusher non può essere posta a fondamento della concessione delle circostanze attenuanti generiche. Lo ha stabilito, in particolare, la Sesta Sezione penale che, con la sentenza depositata il 3 giugno con cui ha annullato senza rinvio la sentenza impugnata, respingendo il ricorso proposto dal pusher e accogliendo quello del Procuratore Generale, ha stabilito che "quando è stata emessa la sentenza impugnata, era in vigore la nuova formulazione dell'art. 62 bis c.p., - dopo entrata in vigore della legge n. 125 del 2008, il cd. "pacchetto sicurezza" - ha voluto escludere che la sola assenza di precedenti penali possa essere posta a fondamento della concessione delle circostanze attenuanti generiche.
Tale disposizione - hanno precisato i giudici di legittimità - (…) ha l'obiettivo di restituire effettività alla sanzione penale, impedendo l'uso indiscriminato dei benefici che il legislatore ha inteso riservare a situazioni specifiche, più ristrette di quelle che precedentemente li autorizzavano. (…) Poiché il reato contestato all'imputato è stato commesso il 7 novembre 2009, e cioè dopo la entrata in vigore della l. n. 125 del 2008, - ha stabilito la Corte - la sentenza impugnata ha violato tale legge laddove ha ritenuto di concedere le attenuanti generiche soltanto in base alla incensuratezza dell'imputato".
(04/06/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Buoni fruttiferi postali: quando valgono gli interessi indicati sul retro
» WhatsApp e Striscia la notizia possono valere come prove

Newsletter f t in Rss