Roma - (Adnkronos) - I venditori di pesce hanno l'obbligo di controllare di persona il prodotto ittico prima di metterlo in vendita, senza demandare la mansione ai veterinari della Usl. Se non si attengono a queste disposizioni scattano multe salate. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a 1.730 euro di multa a Giuseppe I., un venditore di pesce al mercato ittico di Torino, 'reo' di aver detenuto per la vendita 64 chili di sgombri invasi da larve vive. Contro la sanzione inflitta dal Tribunale di Torino si e' opposto in Cassazione il pescivendolo che si e' difeso sostenendo che solo al servizio veterinario incombeva l'obbligo di effettuare un controllo parassitologico quotidiano sul pescato.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: