Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stop ai viaggi dei politici con mogli e compagne

giudice sentenza martello
La Cassazione ha detto basta ai furbetti della politica e mette in chiaro che le trasferte vanno fatte solo per ragioni istituzionali e non per fare viaggi con le proprie consorti. Il monito arriva dopo che il palazzaccio si č dovuto occupare di una serie di casi di truffe aggravate e falsi ideologici contestati a un sindaco e a sei dei suoi assessori che con una certa frequenza se ne andavano in viaggio con moglie e compagne a spese del Comune. Questi viaggi spiega la Corte (sentenza 18071/2010 della quinta sezione penale) Gli illeciti, ricostruisce la sentenza 18071 della V Sezione penale, venivano giustificati presentando tabelle di missione in si indicavano spese sostenute e motivi istituzionali dei diversi tour in svariate cittā d'Italia tr acui Roma, Milano, Napoli, Firenze, Rimini e Ischia. Sindaco e assessori ottenevano anche il rimborso delle spese dello loro compagne di cui non dichiaravano la presenza limitandosi a presentare fatture maggiorate in relazione al costo di viaggio e soggiorno. Una sentenza che costituisce un primo giro di vite contro il malcostume di alcuni politici di approfittare di benefici legati agli incarichi ricoperti.
(13/05/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novitā in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invaliditā solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss