Sei in: Home » Articoli

Cassazione: le nozze non sono nulle se si è brindato al divorzio

sentenza martello giustizia
Lo Stato Italiano non può delibare una sentenza ecclesiastica che ha dichiarato la nullità del matrimonio per il solo fatto che in passato si è fatto un brindisi simbolico in favore della legge sul divorzio. Secondo la Sacra Rota l'aver fatto cin cin avrebbe dimostrato di essere di idee divorziste con esclusione del 'bonum sacramenti'. Fatto che per la Chiesa determina la nullità delle nozze. Nel caso esaminato dalla Corte (sentenza 10657/2010) un sessantenne romano che aveva ottenuto l'annullamento dalla Sacra Rota, ha chiesto la delibazione da parte dello Stato Italiano evidenziando che anche sua moglie era a conoscenza del fatto che lui non considerava il matrimonio indissolubile e che avrebbe voluto solo un matrimonio civile. Non solo, a quanto pare anche la donna era delle stesse idee tanto che aveva preso parte nel 1974, dopo aver saputo l'esito del referendum favorevole al divorzio, ad un brindisi simbolico. Tutto questo era bastato perchè la Chiesa dichiarasse nulle le nozze ma gli ermellini hanno ora chiarito che alzare i calici in favore del divorzio non significa di certo farlo pensando all'esito del proprio matrimonio. Niente delibazione dunque.
Un no che era già arrivato dalla Corte d'Appello di Roma nel gennaio del 2005. L'uomo aveva insistito molto su quel brindisi ed aveva messo in evidenza anche le testimonianze degli amici secondo i quali egli ''avrebbe preferito sposarsi civilmente ma accetto' il matrimonio religioso data la mentalita' di [...] e dei suoi genitori''.
Altre informazioni su questa sentenza
(04/05/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF