Sei in: Home » Articoli

Spamming: il Garante blocca i data base di alcune societā

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 24/30 marzo) ha comunicato di aver bloccato i data base di sette societā che operavano in Internet, per violazione di norme sulla privacy. Queste Societā, infatti, contravvenendo al divieto di spamming, avevano continuato a inviare a svariati utenti numerose e-mail pubblicitarie e promozionali, senza aver preventivamente acquisito il loro consenso e senza aver fornito le prescritte informazioni sulle modalitā e le finalitā della raccolta dei dati personali. L'Autoritā ha spiegato che il blocco dei data base si č reso necessario per impedire che il trattamento illecito e non corretto dei dati personali, giā accertato nei confronti di alcuni utenti che si erano rivolti al Garante, potesse estendersi a un elevato numero di cittadini i cui indirizzi e-mail erano presenti negli archivi delle societā. Il periodo di blocco determinerā alle Societā un'astensione da qualsiasi operazione di trattamento illecito di dati personali che durerā fino a quando il Garante non adotterā accertamenti e successivi provvedimenti.
Il mancato rispetto del blocco determinerā la reclusione da tre mesi a due anni. Durante lo "stop", le societā dovranno far conoscere al Garante tutte le modalitā di raccolta e di successivo trattamento degli indirizzi e-mail, con particolare riguardo all'uso di eventuali software o di procedure automatizzate e comunicare se i dati raccolti siano trasferiti a terzi e per quali finalitā, come sia fornita l'informativa agli utenti e, ove richiesto, raccolto il loro consenso e infine, che tipo di provvedimenti siano stati adottati per consentire l'esercizio dei diritti di accesso, rettifica e cancellazione, previsti dalla normativa sulla privacy.
(08/04/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novitā in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invaliditā solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss