Sei in: Home » Articoli

Stop: non sarà più possibile utilizzare, senza autorizzazione, i dati personali contenuti nel P.R.A, per finalità commerciali.

Una buona notizia per gli automobilisti . Non potranno più vedersi recapitare, senza il loro consenso, comunicazioni che, oltre a segnalare l'imminente scadenza del periodo di revisione delle proprie autovetture, contengano anche offerte di tipo promozionale o l'indicazione officine a cui rivolgersi. Il Garante per la Privacy con il provvedimento dell'11 marzo 2010, a seguito delle numerose segnalazioni, ha chiarito che, non sarà più possibile, senza il consenso dell'interessato, inviare materiale per finalità di comunicazione commerciale o più in generale l'invio di materiale pubblicitario quali offerte promozionali . Non sarà più consentito l'utilizzo, per fini commerciali, dei dati presenti presso il Pubblico Registro automobilistico a cui, in base alla normativa vigente e alle convenzioni stipulate, società private ed officine autorizzate hanno accesso.
L'Autorità ha riconosciuto l'illegittimità del comportamento di società del settore automobilistico, nonché delle società private di ricerche e consulenze economiche-sociali, che impieghino per tali fini i dati personali acquisiti presso il Pubblico Registro Automobilistico. Il Garante con il provvedimento in oggetto ha specificato che, il consenso dell'interessato è necessario ogni qual volta i dati personali degli utenti non vengano impiegati per inviare comunicazioni che presentino per loro un particolare interesse, quali scadenza di revisioni auto e quelle relative ad attività di ricerca .
(20/04/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF