Il Ministero e delle Politiche sociali, con interpello del 02 aprile 2010, n. 14, ha reso noto che ai fini della validità del patto di conglobamento del compenso per il lavoro straordinario nella retribuzione ordinaria, è tuttavia richiesto che risultino, in ogni caso, riconosciuti i diritti inderogabili dei lavoratori e determinati i compensi per il lavoro ordinario e straordinario, in modo da consentire il controllo giudiziale sull'effettivo riconoscimento al lavoratore dei diritti inderogabilmente spettantigli per legge o in virtù della contrattazione collettiva

Condividi
Feedback

(01/05/2010 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi: