Sei in: Home » Articoli

Cassazione: mai essere petulanti. Neppure per suscitare la caritÓ dei parroci

Un comportamento petulante e ripetuto per suscitare la caritÓ di un prelato pu˛ costare una condanna penale. Lo ha stabilito la Corte dei Cassazione chiarendo che certi comportamenti possno configurare il reato di molestie. La decisione Ŕ della prima sezione penale della Corte (sentenza 10400/2010) che ha colvalidato la condanna inflitta ad una famiglia rea di avere disturbato uun prelato apponendo cartelli sulla cancellata della curia e richiedendo insistentemente colloqui per chiarire la vicenda relativa allo sfratto da un campetto di calcio che i due coniugi gestivano e che costituiva la loro unica fonte di reddito. La coppia aveva anche seguito il prelato (all'epoca anche vescovo) nelle chiese dove andava a dire la messa e pi¨ volte andavano a suonare al campanello della curia. In una occasione era presente anche la figlia della coppia che veniva quindi coinvolta bella vicenda giudiziaria. Il caso finiva in tribunale e si concludeva con la condanna dell'intera famiglia per molestie. In Cassazione gli imputati hanno cercato di dimostrare di non avere avuto aluna intenzione di "molestare" o di "offendere" il vescovo essendo il loro unisco scopo quello di "di fare lievitare l'aspetto caritatevole proprio della funzione degli ecclesiastici".
Altre informazioni su questo argomento
(30/03/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss