Sei in: Home » Articoli

Cassazione: mai essere petulanti. Neppure per suscitare la carità dei parroci

Un comportamento petulante e ripetuto per suscitare la carità di un prelato può costare una condanna penale. Lo ha stabilito la Corte dei Cassazione chiarendo che certi comportamenti possno configurare il reato di molestie. La decisione è della prima sezione penale della Corte (sentenza 10400/2010) che ha colvalidato la condanna inflitta ad una famiglia rea di avere disturbato uun prelato apponendo cartelli sulla cancellata della curia e richiedendo insistentemente colloqui per chiarire la vicenda relativa allo sfratto da un campetto di calcio che i due coniugi gestivano e che costituiva la loro unica fonte di reddito. La coppia aveva anche seguito il prelato (all'epoca anche vescovo) nelle chiese dove andava a dire la messa e più volte andavano a suonare al campanello della curia. In una occasione era presente anche la figlia della coppia che veniva quindi coinvolta bella vicenda giudiziaria. Il caso finiva in tribunale e si concludeva con la condanna dell'intera famiglia per molestie. In Cassazione gli imputati hanno cercato di dimostrare di non avere avuto aluna intenzione di "molestare" o di "offendere" il vescovo essendo il loro unisco scopo quello di "di fare lievitare l'aspetto caritatevole proprio della funzione degli ecclesiastici".
Altre informazioni su questo argomento
(30/03/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Danno parentale: la nuova tabella di Milano
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Le indagini del pubblico ministero
» Praticanti avvocati: da settembre le nuove regole
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss