Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la moglie non mortifichi il marito incolto. In caso di separazione rischia l'addebito

Condividi
Seguici

Roma - (Adnkronos) - La moglie che sposa un uomo culturalmente inferiore deve accettare i suoi limiti finche' morte non li separi. In caso di separazione, infatti, la consorte che ha mortificato il marito a causa della sua ignoranza, ''ferendone la sensibilita' e la dignita''', puo' rischiare di vedersi attribuire la colpa del fallimento nuziale. Parola della Corte di Cassazione che, con la sentenza 4367, ha accolto il ricorso di un marito di Bolzano, Josef F., che chiedeva che la colpa del crac nuziale fosse attribuita alla consorte Christine I. , 'rea' di averlo mortificato davanti ad amici e parenti per tutto la durata del matrimonio, facendogli pesare i suoi limiti culturali.
Per la Suprema Corte, infatti, se queste mortificazioni assumono ''efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale'' possono legittimamente diventare motivo di addebito.
(31/03/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss