Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dopo la CIGS è consentito anche il singolo licenziamento per esubero

La Corte di Cassazione, sez. lavoro, con sentenza n. 2734/2010 ha affermato che l'azienda che ha fatto ricorso alla CIGS e, successivamente non è in grado di riammettere al lavoro tutti i dipendenti sospesi, può procedere alla messa in mobilità del personale in esubero senza essere vincolata al requisito numerico delle procedure collettive di mobilità. Il caso ha riguardato un dipendente di una società, unico licenziato al termine della procedura di mobilità che, chiedeva al tribunale l'annullamento del licenziamento collettivo intimatogli. I giudici di primo grado, respingevano l'istanza del dipendente, rilevando come il lavoratore non aveva contestato la procedura né i criteri di scelta, ma solo il fatto che l'azienda non aveva assolto compiutamente l'impegno di ricollocare i lavoratori sospesi. La Corte d'appello, in riforma della decisione di primo grado, stabiliva invece che, la procedura non ha correttamente osservato il vincolo disposto dall'articolo 24 della legge 223/1991 in relazione al requisito numerico dei dipendenti da licenziare, disponendo conseguentemente per il reintegro del lavoratore e il corrispettivo risarcimento del danno. La Cassazione annulla la sentenza della Corte d'Appello, confermando quella di primo grado; infatti afferma che: “ Appare evidente che l'articolo 24, il quale detta i presupposti numerici richiamati dalla Corte di Appello, non richiama l'articolo 4, comma 1, per cui l'impresa la quale abbia fatto ricorso alla CIGS e non sia in grado di riammettere al lavoro tutti i dipendenti sospesi, può procedere alla messa in mobilità del personale esuberante senza essere vincolata al requisito numerico (cinque licenziamenti in 120 giorni per ciascuna unità produttiva), quindi una procedura di CIGS seguita dalla mobilità ben puo' concludersi con la riassunzione di tutti i dipendenti sospesi tranne cinque, la ricollocazione di quattro e il licenziamento di un dipendente su cinque”.
(27/03/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF