Sei in: Home » Articoli

Pedinamenti tramite gps? Non è necessaria autorizzazione preventiva del giudice

Con la sentenza 9667, depositata il 10 marzo 2010, la Quinta sezione penale della Corte di Cassazione ha stabilito che non è necessaria alcuna autorizzazione preventiva da parte del giudice per la localizzazione mediante gps (localizzazione satellitare) degli spostamenti della persona: queste localizzazioni non sono infatti assimilabili all'attività d'intercettazione di conversazioni o comunicazioni. Per questa fattispecie quindi non si applicheranno gli art.266 e seguenti del codice di procedura penale. Lo ha stabilito la quinta sezione penale della Suprema Corte, rigettando il ricorso proposto da tre imputati e spiegando inoltre che, l'infondatezza del motivo proposto, deriva dal fatto che “questa Corte ha affermato che la localizzazione mediante il sistema di rilevamento satellitare (cd. gps) degli spostamenti di una persona nei cui confronti siano in corso indagini costituisce una forma di pedinamento non assimilabile all'attività d'intercettazioni di conversazioni o comunicazioni, per la quale non è necessaria alcuna autorizzazione preventiva da parte del giudice, dovendosi escludere l'applicabilità delle disposizioni di cui agli art.266 seg.c.p.p.”.
(30/04/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile
» Arriva il conto corrente gratis per redditi bassi e pensionati
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss