Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lo scarso rendimento del lavoratore non giustifica il licenziamento

La Sezione lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 3250/2003) ha stabilito che lo scarso rendimento del lavoratore, dovuto a impedimenti fisici, che siano superabili con l'adozione di diverse modalità di esecuzione del lavoro compatibili con l'organizzazione aziendale, "cui il datore di lavoro è tenuto nell'ambito del suo dovere di cooperazione anche a norma dell'art. 2087 c.c." non giustifica il licenziamento. I Giudici del palazzaccio hanno precisato che, "in relazione al cosiddetto scarso rendimento, il datore di lavoro che intenda farlo valere quale giustificato motivo soggettivo di licenziamento, ai sensi dell'art. 3 legge 604/66, non può limitarsi a provare il mancato raggiungimento del risultato atteso ed eventualmente la sua oggettiva esigibilità, ma è onerato dalla dimostrazione di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del lavoratore, quale fatto complesso alla cui valutazione deve concorrere anche l'apprezzamento degli aspetti concreti".
(03/04/2003 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» Danno biologico: le nuove tabelle di Roma sempre più lontane da quelle di Milano
» Un albero per ogni nato: sanzioni in arrivo per i comuni che non adempiono
» L'estradizione
» Addio definitivamente all'assegno di divorzio con la nuova convivenza
» Tasse di successione
Newsletter f g+ t in Rss