Sei in: Home » Articoli

L'azienda che perde una 'commessa' importante può licenziare

La crisi aziendale giustifica i tagli di personale. Infatti, è legittimo il licenziamento di lavoratori da parte di un'azienda che ha perso "una commessa importante". Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che, con una sentenza dell'8 febbraio 2010, ha respinto il ricorso di un autista che rivendicava l'illegittimità del licenziamento dall'azienda da cui era stato assunto tempo prima. In particolare, la sezione lavoro condividendo la decisione della Corte d'Appello di Bari ha precisato che "i giudici di merito hanno dato compiuta ragione della loro decisione ravvisando il giustificato motivo oggettivo del licenziamento nella mancanza di commesse" e più ancora "nel venir meno di una importante commessa", dove i dipendenti erano stati impiegati.
(15/03/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF