Sei in: Home » Articoli

Governo: bando per sviluppo della Ricerca e delle Competitività per Calabria, Puglia, Campania e Sicilia.

Con il decreto pubblicato lo scorso 21 gennaio 2010, il Miur (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) promuoverà lo sviluppo della ricerca e delle competitività, attraverso la presentazione dei progetti di ricerca industriale per il quinquennio 2007-2013. Il programma è cofinanziato da risorse comunitarie e nazionali ed è finalizzato a promuovere le iniziative ed i progetti nelle regioni meno avanzate. Più di 450 milioni di euro verranno destinate alle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Tutti i soggetti ammissibili possono presentare progetti congiunti con le Università, l'ENEA, l'Asi ed altri organismi di ricerca.
I progetti dovranno riguardare il settore dello sviluppo della ricerca industriale e le attività di formazione dei ricercatori e dei tecnici di ricerca. La nota del governo fa sapere che possono presentare i progetti le piccole e medie imprese, le imprese artigiane, le grandi imprese, i consorzi e le società consortili, i centri di ricerca e i parchi scientifici e tecnologici. Per quanto riguarda la procedura per la presentazione della domanda per ricevere i finanziamenti, sarà sufficiente accedere allo sportello telematico Sirio (www.roma.cilea.it/Sirio) che sarà attivo dal prossimo 10 febbraio. Mentre le domande potranno essere presentate fino al 9 aprile.
(31/01/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF