Sei in: Home » Articoli

Trasporto merci pericolose: approvato decreto legislativo di ricezione norme europee

Secondo quanto rende noto il Consiglio dei Ministri, è stato approvato definitivamente il decreto legislativo di ricezione della nuova normativa europea sul trasporto delle merci pericolose. Il decreto era stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 15 ottobre 2009 ed era stato successivamente presentato alle camere il 26 ottobre. La direttiva oggetto del decreto legislativo rappresenta il superamento delle normative precedentemente vigenti in materia di trasporto i merci pericolose e cioè le direttive 94/55/CE e 96/49/CE. L'obiettivo della direttiva è quello di creare un regime normativo comune anche in materia di trasporto mediante vie navigabili interne.
Il provvedimento ha come oggetto il trasporto effettuato su strada, per ferrovia o per via navigabile interna sia nel nostro paese che fra gli Stati Comunitari. Il comunicato stampa del governo specifica però che la normativa europea non va applicata a trasposto delle merci pericolose posto in essere mediante veicoli, vagoni o navi appartenenti alle forze armate o che si trovino sotto la responsabilità di queste ultime. Non si applica neanche al trasporto mediante traghetti che effettuino solo l'attraversamento di una via navigabile interna o di un porto. Per ulteriori informazioni,www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/trasporto_merci_pericolose/index.html
(05/02/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF