Lavoratori più tutelati sulle mansioni svolte in azienda. Gli vanno infatti riconosciute quelle superiori, di fatto svolte, anche quando l'impresa ha conferito formalmente quell'incarico a un quadro. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 27825/2009, ha respinto il ricorso delle Poste. "Al fine di escludere il diritto del dipendente alla superiore qualifica - si legge in sentenza - per effetto dei contenuti professionali delle mansioni svolte per il periodo di tempo minimo previsto dalla normativa, non è sufficiente che il datore di lavoro, nell'esercizio del suo potere organizzativo, conferisca ad altri dipendenti la titolarità formale delle mansioni stesse, ovvero degli elementi più qualificanti delle stesse (nella specie, la responsabilità di un reparto qualificato come unitario)".
Condividi
Feedback

(04/02/2010 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto