Sei in: Home » Articoli

Principio di non discriminazione per il preavviso di licenziamento

Il diritto dell'Unione, in particolare il principio di non discriminazione in base all'etÓ, quale espresso concretamente nella Direttiva n. 2000/78/CE, che stabilisce un quadro generale per la paritÓ di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, osta ad una normativa nazionale che preveda che, ai fini del calcolo del termine di preavviso di licenziamento, non vengano presi in considerazione i periodi di lavoro compiuti dal dipendente prima del raggiungimento dei 25 anni di etÓ. ╚ compito del giudice nazionale, investito di una controversia tra privati, garantire il rispetto del principio di non discriminazione in base all'etÓ, quale espresso concretamente dalla Direttiva n. 2000/78, disapplicando, se necessario, qualsiasi disposizione contraria della normativa nazionale, indipendentemente dall'esercizio della facoltÓ di cui dispone, nei casi previsti dall'art. 267, secondo comma, TFUE (Trattato 25 marzo 1957), di sottoporre alla Corte una questione pregiudiziale sull'interpretazione di tale principio (Corte giustizia Unione Europea, Grande Sez., 19 gennaio 2010, n. 555/07)
(31/01/2010 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Carburanti: da luglio obbligo di fattura elettronica per imprese e professionisti
» WhatsApp Business al via: cos'Ŕ e come funziona


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Separazione dei coniugi: per la Cassazione nessuna violazione dolosa se il provvedimento del giudice Ŕ troppo generico