Riduzione e razionalizzazione: sono queste le due parole chiave della direttiva (n.8/2009) emanata dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione per rendere l'informazione, attraverso i siti web, chiara ed aggiornata. Sarà la registrazione del dominio "gov.it" lo strumento di razionalizzazione per la riduzione del numero di siti web inutili. La direttiva mira a render omogenei i servizi offerti dalla pubblica amministrazione anche attraverso la riduzione della proliferazione dei siti web pubblici, i quali, per potersi iscrivere al dominio dovranno avere determinati requisiti previsti dalle "Linee guida per i siti web della PA" e nel "Vademecum", documenti che verranno redatti entro 90 giorni dall'emanazione della direttiva. Infine, il governo fa sapere che, per tali siti registrati con il dominio gov.it, verrà nominato un responsabile del procedimento di pubblicazione di contenuti.
Condividi
Feedback

(14/01/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Taglio del cuneo fiscale dal 1° luglio 2020
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!