Sei in: Home » Articoli

Carceri: il fenomeno dei suicidi dipende anche dal sovraffollamento e dalla carenza di personale

Donato Capece, segretario del sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe) ha dichiarato che il fenomeno dei suicidi nelle carceri (di cui 4 registrati nei primi giorni del 2010) dipende anche dal sovraffollamento e dalla carenza di personale. Il fenomeno - spiega - è preoccupante. Attualmente risulterebbe sottodimensionato il personale di Polizia penitenziaria e mancano educatori, psicologi e personale medico specializzato. Queste carenze, insieme al sovraffollamento, "sono concause di questi tragici episodi". Problemi all'assistenza anche psicologica ai detenuti sono derivati anche dal passaggio della sanita' penitenziaria al servizio nazionale pubblico. Secondo Capece "per colpa di queste scelte sbagliate, il personale di Polizia penitenziaria e' stato ed e' spesso lasciato solo a gestire all'interno delle nostre carceri moltissime situazioni di disagio sociale.
Non si puo' e non si deve chiedere al personale del Corpo di accollarsi la responsabilita' di tracciare profili psicologici che possano eventualmente permettere di intuire l'eventuale rischio di autolesionismo da parte dei detenuti, E' assolutamente necessario che, alla ripresa dell'attivita' politica, l'emergenza carceri sia messa all'ordine del giorno degli impegni di Governo e Parlamento, potenziando maggiormente il ricorso all'area penale esterna e limitando la restrizione in carcere solo nei casi indispensabili e necessari".
(10/01/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF