Sei in: Home » Articoli

Cassazione: via libera all'espressione "cazzate". E' volgare ma non offende

La Cassazione da il via libera all'espressione 'cazzate'. Un termine che nel linguaggio comune viene utilizzato per definire cose di poco conto. Secondo la Corte anche se il termine può risultare volgare, di certo non sempre può avere una carica offensiva tale da poter ledere l'onore di una persona. Sulla scorta di tale motivazione la seconda sezione penale (sentenza n. 49423/2009) ha confermato l'assoluzione di un 31enne accusato di ingiuria per aver detto durante un'animata riunione condominiale, facendo unchiaro riferimento ad uno dei condomini, "Papa', andiamo via, abbiamo cose piu' importanti da fare che ascoltare le sue cazzate". La lite era nata perchè l'assemblea aveva vietato il posteggio delle auto nel cortile e la delibera era successivamente annullata.
Durante la discussione un condomino aveva anche accusato il 31enne di aver danneggiato una autovettura. A quel punto il giovane, sentendosi ingiustamente accusato, si era rivolto a suo padre per invitarlo ad andare via e a non stare li a sentire quelle 'cazzate'. IL caso finiva in Tribunale e in primo grado il 31enne veniva condannato. La sentenza veniva ribaltata in appello e l'assoluzione è stata ora confermata dalla Suprema Corte.
Altre informazioni su questa sentenza
(23/12/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss