Secondo quanto emerge da uno studio degli economisti Maurizio Franzini e Michele Raitano, pubblicato sul sito di 'Nens' (Nuova economia nuova societa'), l'Italia è un paese caratterizzato da molte diseguaglianze sociali specialmente in materia di redditi da lavoro. A quanto pare infatti il 45% della ricchezza delle famiglie italiane è detenuto dal 10% delle famiglie mentre il 50% della popolazione possiede meno del 10% della ricchezza netta complessiva. Ma non basta: una famiglia su due ha un reddito inferiore a 26 mila euro l'anno mentre un 10% di famiglie supera nel reddito i 55mila euro. Uno degli aspetti messi in evidenza dallo studio è la lentezza della dinamica dei salari negli utlimi 15 anni. Secondo i due economisti le buste paga nel settore privato hanno registrato fino al 1996 una consistente perdita del valore reale. Successivamente vi è stata una leggera ripresa che ha consentito a stento di recuperare quanto perso dopo il 1992. Nello stesso periodo di tempo è anche cresciuto il divario salariale a seguito della quota sempre più ampia di lavoratori atipici (dipendenti a termine, parasubordinati, in part-time), che si è affiancata ai lavoratori standard. Gli atipici sono generalmente pagati meno ed hanno un più ampio rischio di disoccupazione.
Altre informazioni su questo argomento
Condividi
Feedback

(20/12/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Taglio del cuneo fiscale dal 1° luglio 2020
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!