Il tasso di occupazione degli stranieri rilevato dall'Istat con riferimento al secondo trimestre 2008 è pari al 65,9% mentre quello degli gli italiani per acquisizione è sceso al 52,9%. La popolazione di riferimento (tra i 15 e i 74 anni) esaminata dall'istat è di 2.678.000 unita' per gli stranieri e di 311.000 unita' per i naturalizzati. Il tasso di disoccupazione è più alto per i naturalizzati: circa un punto percentuale in più rispetto agli stranieri (9,7% e 8,8%) Secondo le rilevazioni Istat, l'attività dei naturalizzati è prevalentemente orientata nel terziario. Lavorano in prevalenza nell'istruzione e nella sanità. Significativa anche la quota di lavoro autonomo. E per trovare lavoro il 70% ricorre all'intermediazione informale: a quanto pare contano di più le segnalazioni di amici e parenti rispetto ai centri per l'impiego e alle agenzie per il lavoro.
Condividi
Feedback

(22/12/2009 - Notiziario)
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile