Sei in: Home » Articoli

Cassazione: scattano le manette per chi fa le linguacce. Sono vere e proprie ingiurie

D'ora in avanti bisognerà fare molta attenzione anche alle smorfie del viso perchp anche fare le linguacce può costituire un ingiuria ed integrare così la fattispecie di reato prevista e punita dall'art. 594 del codice penale. A stabilirlo è la Corte di Cassazione (sentenza n. 48306/2009) che ha confermato una condanna inflitta ad un 41enne che aveva fatto le linguacce ad un vicino di casa. Secondo gli ermellini quella smorfia è da considerarsi "idonea ad incidere sul decoro e sull'onore della vittima". E non c'è solo la condanna penale perchè la persona offesa ha diritto anche al risarcimento del danno. Già in primo grado il Giudice di pace aveva emesso sentenza di condanna per quello sberleffo che la persona offesa era riuscita persino a fotografare. Il caso è finito poi davanti alla Cassazione dove l'imputato ha tentato di sostenere che il suo gesto non poteva avere "una oggettiva valenza dispregiativa idonea ad incidere sull'onore della vittima". Niente da fare però: La V sezione penale ha respinto il ricorso.
Sarà ora il giudice civile a dover dererminare la misura del risarcimento del danno.
(18/12/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss