Sei in: Home » Articoli

Cassazione: imprudenti mentre si balla? Se si fa male a qualcuno si rischia condanna penale

Anche quando si balla in discoteca bisogna muoversi con prudenza perchŔ se qualcuno riporta lesioni si rischia una condanna penale. L'avvertimento arriva dalla Cassazione che ha confermato la condanna per lesioni personali colpose inflitta a un cubista che durante una sua esibizione aveva fatto cadere una cliente della discoteca in cui lavorava. Il ragazzo, si legge nella sentenza della IV sezione penale (n.47092/2009), non si era accorto che una ragazza si era messa a sedere sul cubo in cui lui stava ballando. Un movimento improvviso e la ragazza era finita a terra riportando delle lesioni. Il caso finiva davanti al giudice di pace che condannava il cubista per lesioni personali colpose. Ricorrendo in Cassazione il ragazzo ha cercato di discolparsi affermando di essersi esibito al buio in un locale destinato al ballo e che per questo non poteva "prevedere la condotta imprudente" della cliente.
Nulla da fare per˛. La Corte Ŕ stata categorica ed ha fatto notare che "l'imputato e la vittima sono stati visti cadere contemporaneamente in terra e che lo stesso imputato era in precedenza intento a ballare su un cubo". In una simile situazione, spiega la Corte "sarebbe stato necessario prestare adeguata attenzione per evitare il pericolo di travolgere persone che si trovavano nei pressi". Oltretutto "la presenza della ragazza nei pressi del cubo non costituiva un evento tanto straordinario e imprevedibile da configurare il caso fortuito".
(11/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF